Un caffè con la moka perfetto? SI PUO’ FARE!

La moka è presente nelle collezioni private di tutti gli italiani (oltreché al MoMA di New York), ma non sappiamo come si usa. Il caffè con la moka lo prepariamo tutti i giorni, beninteso, ma nonostante sia nelle nostre case dal 1933 – quando Alfonso Bialetti, guardando la moglie fare il bucato, esclamò eureka! – non sappiamo farlo.

Bialetti Moka Express Caffettiera, Alluminio, Argento, 6 Tazze ...

Ci tramandiamo ridicoli aneddoti e trucchi sbagliati, errori da matita rossa, vuoi per compiacere nonna o vuoi perché il caffé bruciato ci ha assuefatti più dello zucchero. Ditemi che, almeno voi lettori di Dissapore non siete della parrocchia che non usa il detersivo sulla moka perché le incrostazioni renderebbero il caffè più saporito. Rassicuratemi, vi prego: farete mica la “montagnetta”.

Nel dubbio, oggi proviamo a rendere onore a uno dei progetti di disegno industriale italiani più famosi al mondo!

Partite dall’acqua: quanta ne mettete, per arrivare fin sotto la valvola? Ecco, in base a quello pesate un decimo di caffè. Fatto una volta, imparerete a farlo ad occhio (speriamo che quelli dello Specialty Coffee non ci sentano).

Usate acqua a temperatura ambiente

Ci sono due scuole di pensiero sulla temperatura dell’acqua da utilizzare. Alcuni esperti suggeriscono di partire da acqua preriscaldata per ridurre i tempi di estrazione. Noi preferiamo suggerirvi di utilizzare acqua fredda, in modo da ridurre il rischio che l’acqua entri in contatto con la polvere ad una temperatura troppo elevata (e quindi estragga più amaro o possa compromettere alcuni sentori olfattivi). Insomma, evitare di mettere acqua tiepida, o peggio calda, nella moka, è uno dei primi accorgimenti per evitare di bruciare i profumi del caffè.

Fate arrivare l’acqua sotto la valvola

Andrebbe pesata anche l’acqua, dicevamo, ma la valvola sarà la vostra unità di misura da cui partire. Non potete sbagliarvi: il caffè con la moka si fa con l’acqua fin sotto la valvola. Non è metà, sotto: l’acqua la valvola non la deve toccare.

Non riempite troppo il filtro

Se avete pesato il caffè con il rapporto 1/10 avrete il filtro riempito correttamente e non dovrete fare altro che dare colpetti leggeri per distribuire uniformemente la polvere ed eliminare gli spazi d’aria all’interno del filtro. Se siete invece sprovvisti di una bilancia che pesa il grammo (o vi manca la voglia di fare pesate ogni volta), regolatevi con l’unità di misura scritta in ogni ricettario degno di tale nome: q.b., insomma a occhio. Ricordate che il filtro non deve essere ricolmo di caffè. Niente montagnette e soprattutto non pressate il caffè.

Accendete la fiamma a fuoco medio

Portate la moka sulla fiamma a fuoco medio, perché per quanto il tempo sia prezioso, a fiamma alta, il caffè si estrarrà meno bene. Ora, non so quanto ci abbiate speso in quel caffè, ma se non è proprio l’entry level del discount, magari provate a berlo come si deve.

Portate la moka sulla fiamma a fuoco medio, perché per quanto il tempo sia prezioso, a fiamma alta, il caffè si estrarrà meno bene. Ora, non so quanto ci abbiate speso in quel caffè, ma se non è proprio l’entry level del discount, magari provate a berlo come si deve.

L’estrazione stratifica in modo disomogeneo le sostanze disciolte nel caffè: la prima parte è più densa e acida, la seconda più liquida e amara. Ricordatevi di mescolare il caffè prima di servirlo in modo da distribuirle uniformemente.

Lavare la moka!

Pulireste mai una pentola sporca utilizzando solo acqua? Non ci si spiega perché con la moka valga quindi il detto che quanto meno si lava tanto più buono sarà il caffè. Anche la moka ha bisogno di essere pulita periodicamente per rimuovere residui di polvere e soprattutto gli oli del caffè che, se non eliminati, possono irrancidire e compromettere la bontà della bevanda!

Ed ora, buon caffè a tutti!

Disclaimer: argomento preso dal sito dissapore.com!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Apri la chat
Hai bisogno di Salento Gnam?
Ciao! Come possiamo aiutarti?